Natera Banner
Bayer Banner
Gilead Banner
Tumore prostata

Fattori di rischio per insufficienza cardiaca tra i sopravvissuti paneuropei al tumore infantile: studio PanCareSurFup e ProCardio


L'insufficienza cardiaca ( HF ) è una complicanza potenzialmente pericolosa per la vita del trattamento del tumore infantile.

È stato valutato il rischio e i fattori di rischio per l'insufficienza cardiaca in un ampio studio europeo sui sopravvissuti a lungo termine.
Poco si sa degli effetti delle basse dosi di trattamento, necessarie per migliorare gli attuali protocolli terapeutici e le linee guida di sorveglianza.

Uno studio ha incluso la coorte PanCareSurFup e ProCardio di sopravvissuti al cancro infantile di 5 o più anni diagnosticati tra il 1940 e il 2009 in sette Paesi europei ( n=42.361 ).
È stata calcolata l'incidenza cumulativa di insufficienza cardiaca ed è stato condotto uno studio caso-controllo nidificato per valutare i fattori di rischio correlati al trattamento in dettaglio.

L'incidenza cumulativa di insufficienza cardiaca è stata del 2% entro i 50 anni di età.
Lo studio caso-controllo ( n=1.000 ) ha mostrato che i sopravvissuti che hanno ricevuto una dose media di radioterapia cardiaca ( RT ) da 5 a meno di 15 Gy hanno un aumentato rischio di insufficienza cardiaca ( odds ratio, OR=5.5 ), se confrontato con nessuna radioterapia cardiaca.

Il rischio associato a dosi da 5 a meno di 15 Gy è aumentato con l'esposizione di un volume cardiaco maggiore.
Inoltre, il rischio di insufficienza cardiaca è aumentato in modo lineare con dosi medie di radioterapia cardiaca più elevate.

Per quanto riguarda la dose cumulativa totale di antracicline, i sopravvissuti che hanno ricevuto 100 mg/m2 o più hanno avuto un rischio sostanzialmente aumentato di insufficienza cardiaca e i sopravvissuti trattati con una dose inferiore non hanno mostrato un aumento significativo del rischio di insufficienza cardiaca.
La relazione dose-risposta è apparsa quadratica con dosi più elevate di antracicline.

I sopravvissuti che hanno ricevuto una dose media di radioterapia a livello cardiaco di 5 Gy o superiore hanno presentato un aumentato rischio di insufficienza cardiaca.
Il rischio associato alla radioterapia è aumentato con l'aumentare i volumi esposti.

I sopravvissuti trattati con una dose totale cumulativa di antraciclina inferiore a 100 mg/m2 non hanno presentato un rischio significativamente aumentato di insufficienza cardiaca.
Queste nuove scoperte potrebbero avere conseguenze per i nuovi protocolli di trattamento per i bambini con tumore e per le linee guida di sorveglianza della cardiomiopatia. ( Xagena2023 )

de Baat EC et al, J Clin Oncol 2023; 41: 96-106

Pedia2023 Onco2023 Med2023 Cardio2023



Indietro